Site Overlay

La storia della lancia

Si trattava di una vettura squadrata che non convinse da subito, nemmeno al Salone di Francoforte. Ad oggi, solo uno risulta essere stato regolarmente immatricolato con targa TO Z, quella di Agnelli. Le prime due motorizzazioni di Lancia Delta furono 4 cilindri in lega leggera in linea e albero a camme in testa derivati da quelli della Fiat Ritmo : i propulsori in Italia erano un 1. Il primo prototipo di Lancia Delta a trazione integrale venne presentato nel al Salone di Torino: stessa meccanica e telaio, motore 1.

Nel viene lanciata la cosiddetta Otto Valvoleversione stradale della Delta HF Integrale, con cavalli e non catalizzata. Inoltre, ci furono le Delta HF Integrale Evo Martini 5 e 6, create per commemorare rispettivamente i 5 e 6 anni consecutivi di vittorie della Delta nel mondiale Rally. Martini difatti era Sponsor Lancia: quando scelse di non partecipare al mondiale successivo, il team Jolly Club continua da solo con il Campione Carlos Sainz, ma la stagione si conclude con risultati molto deludenti.

Le cause principali stavano nella mancanza di aggiornamenti tecnici dalla Casa madre, vari errori e incidenti. Trova subito l'auto adatta a te!

la storia della lancia

Lost your password? Condividi Tweet. Synk app la sua storia.

la storia della lancia

Lancia Delta: le prestazioni Le prime due motorizzazioni di Lancia Delta furono 4 cilindri in lega leggera in linea e albero a camme in testa derivati da quelli della Fiat Ritmo : i propulsori in Italia erano un 1.

Comments Comments are closed. I viaggi che si possono fare con euro di carburante. Batmobile: le 10 migliori auto di Batman.

la storia della lancia

Le nostre offerte. Auto usate. Auto a km 0. Noleggio a lungo termine. Seguici sui social. Vuoi cambiare auto? Scopri tutte le auto. Auto Usate Auto a km 0 Auto a noleggio. Remember Me.La Lambdaad esempio, conquista il secondo posto a Monte Carlo nel con una signora belga — Madame Mertens — e porta a casa una terza piazza nel con un driver di nome Visser.

Notevole anche il trionfo in Austria del pilota locale Rudolf Smoliner al volante di una Appia. Qualche esempio? La prima versione — dotata di un motore 1. Munari nel diventa il primo campione del mondo rally piloti della storia grazie anche al successo a Monte Carlo e nello stesso anno Darniche si laurea ancora una volta campione europeo.

Vengono quindi ammesse a partecipare solo vetture derivate da modelli di serie prodotti in almeno 5.

Lancia e i rally: la storia di un mito

Nello stesso anno Cerrato porta a casa il titolo continentale. Tabaton diventa campione europeo. Il consueto titolo continentale arriva dal nostro Piero Liatti. No, grazie Si, attiva.

la storia della lancia

Munari campione del mondo Munari nel diventa il primo campione del mondo rally piloti della storia grazie anche al successo a Monte Carlo e nello stesso anno Darniche si laurea ancora una volta campione europeo. Le tre generazioni della compatta torinese. Lusso "made in Italy".

Vuoi abilitare le notifiche?Alberto Dilillo responsabile del centro stile. Il numero di repertorio dell'atto su carta da Bollo da 1 Lira era il I due soci affidarono al conte Carlo Biscaretti di Ruffia - un appassionato dell'automobile della prima ora - l'incarico di studiare un marchio capace di far riconoscere il nome "Lancia" al primo colpo d'occhio. Il conte predispose cinque disegni, tra i quali venne scelto quello che - includendo nome, bandiera e volante - meglio avrebbe rappresentato l'azienda.

Malgrado gli inevitabili ritardi determinati da un incendio che, nel febbraioaveva distrutto disegni e modelli di fonderia danneggiando il macchinario, il primo prodotto o meglio prototipo Lancia usciva nel settembre di quello stesso Nel - la superficie raddoppiava e arrivava a 3.

Ma intanto la produzione di vetture proseguiva, aggiornandosi anno dopo anno. Questo apprezzatissimo modello, potente e veloce, passava poi alla storia quale prima autovettura commercializzata con impianto elettrico completo, incorporato e comprensivo di motorino d'avviamento.

Tra le affermazioni delda registrare quelle ottenute in Inghilterra dove il concessionario locale, F. Stewart, iscriveva alcune Lancia a diverse gare: una vettura, probabilmente una 12 HP vinceva una corsa in salita ad handicap nel Gallespoi, in maggio, all'autodromo di Brooklandslo stesso Stewart era primo assoluto nella Regent's Cup.

Nel Mario Cortese otteneva una onorevolissima piazza d'onore nella impegnativa VI edizione della Targa Florio che si disputava, il 14 maggio, su 3 giri del circuito delle Madonie per una distanza totale di quasi chilometri. A partire dal la Casa torinese costruiva in 91 esemplari, sino al il suo primo autocarro militare l' 1Zsubito utilizzato con piena soddisfazione dal Regio Esercito Italiano nella guerra in Libia.

Conseguentemente anche gli impianti industriali erano stati oggetto di potenziamento: nel l'area occupata dagli stabilimenti nel Borgo San Paolo raggiungeva circa Nell'agostointanto, il socio di Vincenzo Lancia - Claudio Fogolin - si ritirava pare a causa di un dramma familiare consolidando peraltro un consistente capitale.

In pratica, Vincenzo Lancia aveva inventato la scocca portante. Nella Lambda prendeva forma: sotto l'occhio vigile del Lancia, i progettisti Rocco e Cantarini realizzavano il motore a 4 cilindri a V stretto rotante al bel regime di giri, mentre Scacchi responsabile del reparto esperienze ne eseguiva la messa a punto.

Venduta ad un prezzo elevato ma non proibitivo in Italia la torpedo prima serie costava Nel iniziavano gli studi per progettare una nuova 8 cilindri.

Il progetto iniziale prevedeva un modello abbastanza simile alla Lambda, con cilindrata attorno ai 3 litri. Dopo aver fondato il 26 settembre la Lancia Motors of Americail nostro imprenditore torinese si recava a New York nel gennaio del per presenziare al National Automobil Show dove era esposto un prototipo della nuova ammiraglia Lancia ma riusciva rocambolescamente ad aver salva la pelle solo nascondendosi in albergo e imbarcandosi precipitosamente per l'Italia: pare infatti che il nostro Vincenzo fosse stato oggetto di un raggiro culminato addirittura in un tentativo di omicidio ordito forse dalla malavita locale.

Malgrado il peso elevato la vettura superava i chilometri all'ora. In totale se ne produssero esemplari: non pochi considerando il genere di automobile ed il fatto che l'uscita della nuova ammiraglia venne a cadere quasi in contemporanea con il crollo di Wall Street. Intanto, con l'incremento dei ritmi produttivi, la Lancia ampliava la superficie degli stabilimenti rilevando tra l'altro, nelun'area contigua allo stabilimento della Chiribiri che chiudeva ufficialmente i battenti il 3 settembre di quello stesso anno.

In questo periodo — gli anni venti e trenta — la Casa torinese dedicava una parte significativa degli investimenti al potenziamento della rete di vendita.

Nel venivano aperte agenzie a Palermo ed a Napolimentre negli anni trenta si inauguravano nuove filiali a Romaa Padovaa Genovaa Torino. Esauritosi il quasi decennale ciclo della Lambda, al Salone dell'automobile di Parigi dell'autunnola Lancia presentava due nuovi modelli che andavano ad affiancare la grossa Dilambda: si trattava di due sorelle quasi gemellela prima una 4 cilindri di nemmeno 2 litri, la seconda una 8 cilindri di 2,6 litri.

Per quanto riguarda specificatamente la Astura, da segnalare parecchi successi in corsa, tra cui la vittoria assoluta al massacrante Giro automobilistico d'Italia del Da notare che l'Artena, morta nel dopo tre serie, resuscitava quattro anni dopo, nelcon una quarta serie, destinata soprattutto al governo italiano nella versione Ministeriale o all' esercito versione Militare.

Preceduta soltanto dalla statunitense Chrysleralla Casa torinese restava comunque un primato, quello della prima berlina europea a struttura portante.Questo apprezzatissimo modello il primo del brand a superare le 1.

La svolta per la Lancia arriva nel in occasione del debutto — ai Saloni di Parigi e Londra — della rivoluzionaria Lambda : non si tratta solo della prima auto al mondo dotata di scocca portante ma anche di una delle prime con sospensioni anteriori a ruote indipendenti. Anche durante la Seconda Guerra Mondiale — come nella prima — la produzione della Lancia si concentra sulle forniture militari.

Storia della Lancia. Impresa Tecnologie Mercati 1906-1969

Gli anni Cinquanta per Lancia si aprono con la presentazione della Aureliala prima auto di serie al mondo a montare un motore V6. Il colosso torinese apporta numerosi tagli, sospende la produzione di veicoli industriali e nel lancia il primo modello della nuova gestione: la Beta. Prima di questi successi segnaliamo i tre Mondiali sportprototipi nella categoria sopra i due litri conquistati dalla Lancia Beta Montecarlo Turbo tra il e il e il campionato del mondo rally Marche ottenuto dalla nel Degna di nota la versione 8.

La prima piccola con lo scudo sul cofano, la Yvede invece la luce nel grazie a lei le immatricolazioni non crollano. La baby Lancia si presenta con una motorizzazione bi-fuel a metano che permette percorrenze record, senza rinunciare al suo carattere chic. No, grazie Si, attiva. La Lambda e la Dilambda La svolta per la Lancia arriva nel in occasione del debutto — ai Saloni di Parigi e Londra — della rivoluzionaria Lambda : non si tratta solo della prima auto al mondo dotata di scocca portante ma anche di una delle prime con sospensioni anteriori a ruote indipendenti.

La seconda Guerra Mondiale Anche durante la Seconda Guerra Mondiale — come nella prima — la produzione della Lancia si concentra sulle forniture militari. I successi dei primi anni Cinquanta Gli anni Cinquanta per Lancia si aprono con la presentazione della Aureliala prima auto di serie al mondo a montare un motore V6. Lancia Ypsilon, la storia Lancia Lybra 1. Spaziosissime e piene di eleganza. Da regina dei rally a "segmento C" elegante. Vuoi abilitare le notifiche?Fu subito chiaro che il giovane Censin non voleva proseguire con i sublimati di carne per fare concorrenza a Liebig, mio padre sognava la coppa Vanderbilt, Le Mans, Monza, voleva diventare un vittorioso intrepido come Ralph De Palma.

Quando non poteva, cercava comunque di ispirarsi al meglio, raggiungendo sempre un risultato elevato,conseguito attraverso le sue intuizioni e la sintesi delle sue conoscenze tecniche. Romeo, che si ispirava ad Ettore Bugatti per le sue meccaniche veloci a 8 e 6 cilindri in linea. Un sublimato di tecnologie ed innovazione. Per questo la Lambda era sportiva e lussuosa allo stesso tempo.

Gianni comincia la sua ricerca assoldando una mente elevata e di grande esperienza, Vittorio Jano. Dopo 1. Jano consegna a Gianni il suo testamento, la summa di tutte le sue conoscenze la monoposto per le competizioni su pista. Mi battezzano D50 e mi presentano sfavillante ad Alberto Ascari che ammaliato, rifiuta le offerte di Enzo Ferrari. Infatti sono veloce, anzi velocissima, stabile, maneggevole e aerodinamica grazie ai serbatoi laterali. A volte esagerano, mi fanno addirittura scendere in pista a sfidare Porsche nel campionato mondiale marche Gruppo 5 con la Beta Montecarlo Turbo dove vinco il titolo di gruppo nel e quello assoluto nel biennio Di tutte queste vicende, dei batticuori e delle ansie, delle gioie ma anche dei dolori che questa macchina straordinaria mi hanno dato conservo ricordi nitidi e indelebili, come di tutte le persone che insieme a me hanno lottato per rendere tutto questo possibile.

Con la Stratosin quel periodo, mi sono giocato tutto, ben sapendo che se avessi fallito, sarei stato annientato dai suoi potenti oppositori. Da parte mia voglio indicare le date fondamentali della sua storia e i nomi di coloro che hanno contribuito alla sua realizzazione. Primi di novembreSalone di Torino, la carrozzeria Bertone presenta la Stratos successivamente chiamata Zero con il gruppo motopropulsore della Fulvia montato in posizione posteriore centrale.

Fine maggiola Ferrari consegna 10 motori Dino al Reparto Corse Lancia per essere elaborati e montati sulle Stratos prototipi. Nel il Reparto Corse Lancia costruisce il motore Stratos con teste a 4 valvole e il motore Stratos con turbocompressore. Nata dal genio di Nuccio Bertone e dall'intuizione di Cesare Fioriola Stratos ha coniugato un design all'epoca rivoluzionario ad un cuore mitico col motore Ferrari. Fu per una breve apparizione voluta dal nostro sponsor. Sullo sterrato non c'era il problema del contatto al suolo con le strette Pirelli MS, mentre sull'asfalto con le nuove larghe Pirelli slick, il problema era evidente.

Due scuderie, il Jolly Club di Milano, guidato da Roberto Angiolini e la Scuderia Grifone di Genova con Luigi Tabaton, avevano piloti ed auto che partecipavano a campionati nazionali e con un aiuto budjetario Lancia; campionati in cui alcune volte partecipavano anche le Lancia ufficiali.

Il vantaggio fu di alleggerire gli impegni del team ufficiale, impegnato nel Campionato del Mondo Rally e Campionato Europeo oltre ad alcuni campionati importanti per il commerciale es. Campionato francese. Il programma parte.

Lancia, la storia della fabbrica delle meraviglie

Viva il Re e Viva la Regina! Marcello Gandini Geniale stilista che ha disegnato la Carrozzeria e sostenuta in tutte le sue evoluzioni.

Giovanni Tonti Direttore Tecnico del Reparto Corse, che nella fase di progettazione ha coordinato i lavori tra la Lancia e la Bertone, poi ha effettuato la sperimentazione dei prototipi, ha elaborato tutti i tipi di motori e diretto il Reparto Corse sia per l'evoluzione tecnica, sia per l'allestimento delle vetture gara ufficiali.

Pilota e collaudatore, ha eseguito tutti i collaudi iniziali per la messa a punto della Stratos e poi collaudato e deliberato tutte le vetture da corsa ufficiali. Gianpaolo Dallara Costruttore di auto da corsa, nel e nel ha collaborato con Tonti per la messa a punto su strada. Toggle navigation. Storia Di tutte queste vicende, dei batticuori e delle ansie, delle gioie ma anche dei dolori che questa macchina straordinaria mi hanno dato conservo ricordi nitidi e indelebili, come di tutte le persone che insieme a me hanno lottato per rendere tutto questo possibile.

Design Bertone e motore Ferrari Nata dal genio di Nuccio Bertone e dall'intuizione di Cesare Fioriola Stratos ha coniugato un design all'epoca rivoluzionario ad un cuore mitico col motore Ferrari. Quindi insieme a Cesare decisi di realizzare un apposito magazzino ricambi riservato solo ai clienti sportivi strettamente collegato al Reparto Corse nella figura del Sig. Claudio Maglioli Pilota e collaudatore, ha eseguito tutti i collaudi iniziali per la messa a punto della Stratos e poi collaudato e deliberato tutte le vetture da corsa ufficiali.Inizialmente il capitale, di La prima vettura a marchio Lancia lascia la fabbrica nel Dopo aver prodotto attrezzature militari, la fabbrica di Torino viene affidata a Gianni Lancia, figlio di Vincenzo, che ne avvia il rilancio dopo i danni causati dai bombardamenti.

Nel la sede si sposta presso il ben noto Grattacielo Lancia. Nel anche la famiglia Pesenti si indebita e cede Lancia a Fiat per la simbolica cifra di 1 lira.

Durante la gestione Fiat, Lancia comincia a produrre vetture dal design aggressivo dotate di soluzioni tecniche mirate a renderle particolarmente efficaci in pista. Nel arriva la Beta, declinata in numerose varianti. Nasce anche la Stratos, una incredibile auto da gara con carrozzeria a cuneo e motore centrale di origine Ferrari. Trazione integrale e motore turbo sono la chiave del successo di una vettura che domina il mondiali rally e tra il ed il e lascia alle sue avversarie soltanto le briciole.

Il Gruppo Fiat decide di utilizzare il marchio Lancia per commercializzare in Italia alcuni modelli Chrysler. La gamma ripropone il nome Thema per la Chrysler e Flavia per la Chrysler Cabrio, oltre alla monovolume Voyager. Le vendite si risollevano con la Ypsilon, su base Fiat Lancia attualmente resta operativo solo in Italia e tutti i siti ufficiali con dominio estero sono stati chiusi e reindirizzati a Lancia Italia, un chiaro segnale che palesa le intenzioni di FCA.

La storia di Lancia, dal successo nei rally al declino attuale. Vetture avanzate che hanno saputo ottenere importanti risultati sportivi, come la mitica Delta. News 5 giugno di Pietro Ginechesi. Pietro Ginechesi. Aggiungi un commento! Morto Paulo Goncalves, le foto dei soccorsi alla Dakar. Ufficiale, Formula 1: si parte in Austria il prossimo 5 luglio con due Gp. Sergio Perez fa il tampone prima del Gran Premio d'Austria. Leclerc sfreccia tra le strade di Monaco con la Ferrari SF Test F1 a Barcellona, le foto dell'ultima giornata di prove.

Per inviarci segnalazioni, foto e video puoi contattarci su: segnalazioni fanpage. Roma Milano Napoli. Storie del giorno. Mostra altre storie. Le nostre Rubriche.


thoughts on “La storia della lancia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *